Parco dei Laghi Fossili di Sovere


Il sito, conosciuto come “archivio naturale di Pianico-Sèllere”, racconta la natura di ottocentomila anni fa per un periodo di cinquantamila anni. Riconosciuto a livello internazionale come uno dei siti più importanti per la ricostruzione della storia dell’ambiente e del clima nelle Alpi, offre un’eccezionale registrazione della biodiversità vegetale costituita da foglie e pollini fossili. Sedimenti che oggi osserviamo disposti in sottilissime coppie di strati neri (stagione fredda) e bianchi (stagione calda) alternati che si ripetono senza interruzione per uno spessore di oltre 10 metri: un vero e proprio libro della natura che, nella porzione oggi visibile, conta 41.600 pagine (due pagine per anno) che si sono potute interpretare con i moderni metodi di ricerca delle scienze della terra e dell’ambiente.

Lo scavo condotto in questo sito nel 2001 ha portato alla scoperta di uno scheletro di un magnifico esemplare adulto di Cervus acoronatus, dotato di un imponente e robusto palco con ramificazioni e pugnali terminali, che oggi può essere ammirato presso il Museo Civico di Scienze Naturali “E. Caffi” di Bergamo. Oltre al cervo fossile, unico esemplare completo in Italia di una specie estinta da alcune centinaia di migliaia di anni, la campagna di scavi e di ricerca ha permesso di individuare e recuperare altri 1500 reperti paleontologici per lo più costituiti da resti vegetali quali semi, foglie e rami, nonché insetti e resti di piccoli mammiferi.

 

Come accedere al parco

Vi si accede dal campo sportivo di Sovere dalla strada provinciale SP 53 Lovere-Clusone. Adiacente al campo sportivo vi è un ampio parcheggio libero. Una deviazione a gomito (stretta per chi proviene da Clusone), segnalata dalla pensilina della fermata Sovere Canneto della linea SAB Lovere, immette in Via Gen. Dalla Chiesa e poi in Via Canneto. Poiché l’accesso al campo sportivo è praticabile solo per i pullman turistici piccoli da 30 posti, per i pullman grandi si consiglia di far scendere i visitatori alla suddetta pensilina (200 metri dal campo) oppure all’innesto con Via Canneto (100 metri dal campo). Con mezzi pubblici: linea SAB Lovere Clusone, fermata Sovere Canneto.