Trekking nella Riserva Naturale delle Piramidi di Zone



La riserva

Istituita nel 1984, la Riserva Naturale delle Piramidi di Zone prende il nome dalla particolare forma che il deposito morenico di sabbia, massi e ciottoli ha acquisito nel corso dei secoli, trasformandosi in lingua di roccia alte fino a 30 metri, con masse di grandi dimensioni adagiati sulla loro sommità, a fungere da scudi protettivi. Ad accrescere questa azione protettiva, e presente attorno alla piramide di terra una pellicola costituita da argilla insolubile, che viene trasportata dall’acqua lungo i fianchi della struttura. II processo di erosione, prodotto dagli agenti atmosferici, è continuo e visibile nel giro di alcune decine di anni.

Il percorso

All’interno della riserva, ad un’altezza tra i 400 ed i 600 metri s.l.m., si sviluppa un percorso ad anello di media difficoltà, che consente di ammirare da vicino le piramidi e i massi erratici che, presumibilmente, tra milioni di anni diverranno a loro volta piramidi di terra.

La Chiesa di San Giorgio a Cislano costituisce il punto di partenza dell’itinerario. Parcheggiata l’auto e superato il piccolo parco giochi in direzione della chiesa si imbocca il sentiero a destra, all’inizio del quale si trova un pannello verde con la scritta “Ingresso pedonale alla Riserva Regionale delle Piramidi”.

Dopo pochi minuti si raggiunge l’ingresso vero e proprio, dove un cartello segnala di proseguire scendendo dal sentiero sulla destra. A breve si raggiungono il primo masso erratico con relativo pannello esplicativo e successivamente il primo di diversi punti panoramici sulle piramidi, che si incontreranno lungo il percorso per ora sempre in discesa.

Giunti al bivio “Monte Marone” a destra e “Sentiero delle Piramidi” a sinistra, si svolta naturalmente a sinistra e il sentiero ora sarà in salita fino alla fine. Lungo il percorso s’incontrano altri tre punti panoramici, l’ultimo dei quali si trova a fianco alla strada provinciale che conduce a Zone, dove si trova anche una fontanella.

Si prosegue lungo il sentiero a sinistra, che a breve incrocia e s’immette sull’Antica Strada Valeriana.
Si svolta ancora a sinistra e la si percorre fino al piccolo abitato di Cislano e quindi al punto di arrivo.

Come arrivare e dove parcheggiare

Sulla strada costiera ex SP510, una volta giunti a Marone, si svolta in direzione di Zone.

Sulla provinciale  510  Brescia/ Valle Camonica, uscita Colpiano, svoltare a destra in direzione di Zone.

Parcheggio all’ingresso della Riserva, in Via Sebino, località Cislano.

Info utili

Da evitare i periodi di pioggia e neve che rendono il sentiero piuttosto pericoloso e le ore più calde nel periodo estivo.

Sconsigliato alle famiglie con bimbi molto piccoli e agli anziani non abituati alle camminate.

Nei pressi della Chiesa di San Giorgio sono presenti un ampio parcheggio, punto informazioni, bar e giardino con giochi per bambini.


Prenota subito:


Affidati all'esperienza di: