Strada dell’Olio



La Strada dell’Olio è un itinerario di circa 13 chilometri all’interno del comune di Marone. Creato dall’amministrazione comunale nell’ottica della promozione del turismo sostenibile e della valorizzazione dei prodotti tipici locali, il percorso permette ai visitatori di scoprire le aziende produttrici di olio e fare degustazioni godendosi fantastici scorci sul Lago d’Iseo.

Marone è collocato in una posizione particolare sulla sponda orientale del lago, perciò gode di un microclima estremamente mite che ha favorito la coltivazione di olivi e quindi la produzione di olio extravergine di oliva a partire dagli anni sessanta del ventesimo secolo. Sul territorio comunale sono oggi presenti 17.000 piante di olivo e tutte le cultivar necessarie alla produzione di olio extravergine di oliva D.O.P. Il paese fa parte dell’Associazione “Città dell’Olio” dal 2001.

Il percorso

L’itinerario consigliato inizia dall’Infopoint, in via Roma 42. Camminando sul lato destro della strada principale, si imbocca via Risorgimento e si segue il corso del torrente Bagnadore fino alla vecchia cava di dolomia, dove si svolta a sinistra. Qui inizia un tratto in salita su mulattiera che, tra muretti a secco e scorci panoramici del lago, porta alla località Monte Marone. Proseguendo sulla strada asfaltata si arriva all’incrocio con la strada provinciale che conduce a Zone, punto in cui inizia la discesa. È necessario ora percorrere un tratto di circa 600 metri sulla strada provinciale senza marciapiedi: si raccomanda particolare attenzione. Poco prima di un tornante, si svolta a sinistra in via Zone, in corrispondenza di un pannello informativo sulla Strada dell’Olio. Dopo pochi metri si imbocca un sentiero in discesa che è parte dell’Antica Strada Valeriana e si arriva a Colpiano. Si scende verso la Chiesa di San Bernardo da Chiaravalle, collocata nel centro della contrada. Si risale via Mazzini e si svolta a destra, incontrando nuovamente la provinciale e una grande rotonda. Dopo averla oltrepassata, si prosegue in discesa verso via Valpintana, che conduce nel centro di Pregasso. Da qui è possibile imboccare via Garibaldi e raggiungere il centro di Marone con un percorso più breve. Se invece si sceglie di proseguire sul percorso ad anello, si attraversa la contrada e una scalinata conduce all’Eremo di San Pietro con un’impagabile vista su Monte Isola. Seguendo ancora una volta i cartelli della Via Valeriana, attraverso un sentiero a gradini si raggiunge la località Vesto. Alla fine della gradinata si gira a sinistra e dopo pochi metri si lascia il percorso per scendere sulla strada asfaltata. È inoltre possibile fare una piccola deviazione per raggiungere alcuni uliveti. Il percorso ad anello continua scendendo da via Gandane per 400 metri, svoltando poi a destra e percorrendo tutta via Caraglio, che conduce fino al cimitero. Da qui un sottopassaggio conduce in via Cristini, si attraversa la strada e si svolta a destra, percorrendo la pista ciclo-pedonale a lato della strada principale. Dopo aver superato il Monumento agli Alpini, si svolta a sinistra in una stradina che conduce al Parco Rosselli e poi sul lungolago, passando davanti alla parrocchiale dedicata al patrono San Martino di Tours. Alla fine della passeggiata sul lago si svolta a destra in via Makallè, per poi raggiungere nuovamente il punto di partenza.

Info utili

Il percorso consigliato è complessivamente facile, fatta eccezione per il breve tratto di mulattiera che porta a Monte Marone.

Sono presenti due anelli di livello medio nelle frazioni di Colpiano e Vello.

Si consiglia l’utilizzo di scarpe da trekking.


Prenota subito:


Affidati all'esperienza di: